Principi di reazione

evidenza-principi-di-reazione

Ieri, dopo l’invito di Giuseppe Gualtieri presidente del CID, riflettevo su un concetto che mi attraversa da quando ho deciso di immergermi nella vita di un altro calabrese emigrante di ritorno che ho ancora in produzione. Dicevo…dopo l’invito di Giuseppe, diventa fondamentale per me appurare se è vero che l’azione di ogni individuo ha inevitabilmente ripercussioni sulla vita di tutta una comunità e se questa azione è strettamente connessa ai termini contenuto e forma. Sono convinto che termini, concetti e azioni hanno valori diversi a secondo del metodo di lettura applicato e, nel caso di azioni di un gruppo che vive e determina una comunità, questo è ancor più vero.
I termini contenuto e forma sono spesso utilizzati in abbondanza per rafforzare azioni e manifestazioni di basso profilo culturale perché con il loro utilizzo ci si dà un tono, ci si veste da critici letterari o d’arte o se volete da tuttologi che occupano stabilmente studi tv. Comunicatori e divulgatori, pseudo intellettuali revisionisti impegnati in disamine fiume sui mali delle comunità, perdono il contatto con l’interpretazione altra dei termini utilizzati. Il contenuto è per me l’atto del trattenere che quindi diviene modello o principio di organizzazione del pensiero che solo dopo diventa contenuto. La forma, l’immagine appunto, diventa uno dei modi per rilevarlo ed esporlo ad una comunità oggi non più trattenuta da confini geografici ma libera, indipendente e globale.
In questo senso ho letto fin dall’inizio l’azione dei Creativi Indipendenti Davolesi. Voler realizzare una manifestazione come Sonore Alchimie è una azione di gruppo che ha inevitabilmente ripercussioni di crescita positiva sulla vita di tutta una comunità. Il gruppo ha il dovere oggi di relazionarsi sempre di più e sempre più frequentemente con le altre realtà che sul territorio hanno gli stessi fini e gli stessi obiettivi. Il loro compito, il nostro compito, è di non limitarsi ai due giorni di manifestazione estiva. Dobbiamo rompere l’accerchiamento culturale della sagra o del festival vacanziero proposto da sagre e festival super finanziate dagli Enti. Il nostro compito è la crescita individuale e collettiva anche nei mesi invernali creando spazi aperti e liberi di produzione culturale continua.

Buone Sonore Alchimie. Davoli (Cz) Piazza Santa Barbara 28 e 29 luglio 2017

008-waiting-for-sonore-alchimie-2017-le-pietre-parlano-3

 

Lascia un commento